Thienet
I primi 14 anni La rivista on-line di Thiene e dintorni Editor: Ferdinando Offelli   Webmaster: Fabio Costa
TEATRO
Thiene, Teatro Comunale

Le Geografie di Laura Curino

Rassegna Narratori
‘Non sono mai stata stata brava in geografia. Essere bravi in geografia è fatica sprecata al giorno d’oggi, con le carte geografiche che scadono ogni sei mesi, anche meno.’

Così Laura Curino, il cui spettacolo ‘Geografie’ è andato recentemente in scena al Teatro Comunale di Thiene, nell’ambito della Rassegna Narratori, prova a buttar via le carte geografiche , e a farsi un’idea del mondo fidandosi solo dei propri sensi.

Ne viene il racconto di luoghi perduti, perché tratti dalla memoria, di regioni immaginarie, come risultato della trasformazione dei ricordi. Quella trama, insomma, sulla quale costruiamo giorno per giorno, anno dopo anno la nostra ‘geografia’, cioè il nostro modo di vedere il mondo.

Dietro alla confessione apparentemente autobiografica di Laura Curino c’è il senso della famiglia e della comunità cui si appartiene, dove sensazioni e odori richiamano persone e luoghi a cui i ricordi sono legati, un sistema di ‘geografie’ appunto.

Quella di Laura Curino diventa a suo modo una ‘ricerca del tempo perduto’ e proprio dell’opera di Proust legge alcune pagine dove si dimostra che ‘una stanza è più grande di una città e l’oceano più piccolo di uno stagno.’

Inserita nel programma della Rassegna Narratori, la piemontese Laura Curino ha piacevolmente sorpreso il pubblico di appassionati di questo particolare genere di teatro, ormai affermatosi anche a Thiene.

Un teatro dove gli elementi scenici e coreografici sono ridotti al minimo, e dove vale la recitazione di un testo con cui si vuol narrare al pubblico magari solo il problema di una ragazza che non è mai riuscita a ‘mandare il mondo a memoria’.

Ferdinando Offelli - 25 mar.04