Thienet
I primi 14 anni La rivista on-line di Thiene e dintorni Editor: Ferdinando Offelli   Webmaster: Fabio Costa
TEATRO
Rissa in un supermarket di Thiene

Per un telefonino

Quando la folla perde il controllo
Nella comunicazione sociale, se il quotidiano ha il compito di cogliere l’attualità nel suo continuo divenire, tocca poi alle riviste, settimanali, mensili, ecc. approfondire alcuni fatti cercando di coglierne alcuni apetti particolarmente interessanti e significativi; è quella che si chiama la funzione di opinion maker, che anche Thienet, per sua natura, è chiamato a svolgere.È quindi per svolgere questa funzione che parliamo di un recente fatto di cronaca, efficacemente descritto da Dennis Dellai sul Giornale di Vicenza agli inizi di settembre. Si tratta della strepitosa offerta speciale, ampiamente reclamizzata da un supermercato locale, di un telefono cellulare a 9 euro, con 5 euro di scheda prepagata.Meticolosa la preparazione all’evento da parte della direzione per far fronte alla prevedibile massa di clienti attirati dall’occasione straordinaria: guardia di controllo del flusso del pubblico, dispenser dei numeri per regolare i turni, ecc.Ma ecco che, all’apertura della porta, la massa di persone già da tempo assiepate davanti all’ingresso del supermarket si precipita furiosamente dentro, travolgendo tutto e tutti, con spinte e urla, nel forsennato tentativo di arrivare al banco, tanto da costringere la direzione, ormai incapace di controllare una situazione non più controllabile, a chiedere l’intervento dei carabinieri per sedare gli animi esagitati e riportare la calma.Che la folla in certe situazioni possa diventare una entità acefala, dove cioè, rompendo ogni freno inibitorio, gli individui scatenino comportamenti istintuali, irrazionali e spesso violenti, è un fenomeno da tempo ampiamente studiato nella psicologia sociale.Solo che nella casistica di nostra conoscenza, a scatenare la folla erano sempre state motivazioni dettate dal panico, dalla percezione di un grave pericolo, comunque sempre occasioni di forte intensità emotiva; è in queste situazioni di pericolo che si arriva a calpestare altre persone nel tentativo di salvarsi, assumendo comunque comportamenti irrazionali, da cui in situazione di normalità, si starebbe ben lontani.Mai avremmo pensato che l’offerta speciale di un telefonino a 9 euro potesse diventare una situazione di forte intensità emotiva, così intensamente sentita e vissuta, da scatenare la tranquilla folla di acquirenti di un supermercato. È certamente, ne prendiamo atto, un segno dei tempi che viviamo, un segno comunque molto inquitante e su cui ci par doveroso per tutti meditare.
Ferdinando Offelli - 23 set.07