Thienet
I primi 14 anni La rivista on-line di Thiene e dintorni Editor: Ferdinando Offelli   Webmaster: Fabio Costa
TEATRO
Conclusa la 31^ stagione Teatrale Thienese

Le bugie con le gambe lunghe

Una commedia di Eduardo De Filippo
Si è conclusa con una commedia di Eduardo De Filippo la 31^ Stagione Teatrale Thienese; recentemente è stata infatti presentata al Teatro Comunale l’opera “Le bugie con le gambe lunghe”, diretta ed interpretata da Luca De Filippo, figlio di Eduardo, a cui sta sempre più assomigliando.
Mai forse come in questa commedia il primo atto si distingue dal secondo, anche se la scena resta sempre la stessa, l’appartamento di Libero Incoronato in un condominio-alveare popolare di Napoli.
Nel primo atto vediamo infatti Libero che non può sposare Graziella, una ex prostituta, per non mettere a repentaglio la relazione della sorella Costanza ha con un avvocato perbenista, con cui intende sistemarsi definitivamente.
Nell’appartamento di Libero irrompono due coniugi in lite tra di loro. Benedetto, il marito, che a Grosseto ha fatto fortuna con 2 sale cinematografiche, e che ha una relazione con una cameriera, rimasta incinta.
Olga, la moglie, si rifiuta categoricamente di seguire il marito a Grosseto e con scene di assoluto isterismo convince Libero a fare in modo che il marito le intesti la casa e 3 milioni di lire. Olga poi gli confessa di essere incinta e insieme innamorata di Libero.
Nel secondo tempo, alla cerimonia di battesimo del figlio di Olga, vengono a galla le ben diverse verità. Intanto il figlio della cameriera di Grosseto non è di Benedetto, come lui crede, ma di un altro; Benedetto, per trarsi dagli impicci, con una lauta somma aveva comunque convinto un suo dipendente a sposare la ragazza.
Neanche il figlio di Olga è di Benedetto, e tantomeno di Libero, che l’avrebbe concepito senza avvedersene; è il frutto di una relazione amorosa con un capitano americano che, saputa la notizia, è ripartito per gli Usa.
Tutto questo intreccio viene accuratamente nascosto dietro una facciata di perbenismo piccolo borghese, in base al quale si è quello che si riesce ad apparire.
La reazione di Libero a tanta conclamata ipocrisia sociale è assolutamente sorprendente. Si inventa un lauto affare che lo ha fatto diventare ricco e gli permette di sposarsi con una ricca del nord che presenta alla compagnie e che non è altri che Graziella.
In quel mare di bugie, tutti hanno interesse a stare al gioco e accettare di “Non dire mai una verità, lasciala in fondo al pozzo, e quando dici le bugie, le devi scegliere fra quelle che sono di gradimento al tuo padrone”.
La Stagione Teatrale Thienese si è quindi conclusa con, se non grande, certamente buon teatro; sia gli attori che Luca De Filippo hanno interpretato con efficacia personaggi immersi in una situazione in bilico tra bugia e verità.
Di Luca De Filippo, regista e protagonista della commedia, abbiamo già detto che sta sempre più assomigliando al padre; se ancora non è Eduardo, non è colpa sua.
Ferdinando Offelli - 17 apr.11