Thienet
I primi 14 anni La rivista on-line di Thiene e dintorni Editor: Ferdinando Offelli   Webmaster: Fabio Costa
SCAFFALE
Hotel Bosforo

Hotel Bosforo

di Esmahan Aykol
Tra i libri letti in questa estate che non vuol morire, ci ha colpito “Hotel Bosforo” di Esmahan Aykol, apparso tra i Noir di Repubblica.
La vicenda narrata si svolge ad Istanbul, dove all’Hotel Bosforo alloggia una troupe cinematografica impegnata a girare un film, una co-produzione turco-tedesca, con il regista tedesco Kurt Muller.
La protagonista femminile del film è Petra, anche lei turco-tedesca, amica d’infanzia dell’io narrante, Kati Hirschel, quarantenne anche lei turco-tedesca, che gestisce ad Istambul una libreria di gialli e polizieschi in genere.
Il regista Muller, dopo una notte di bagordi, viene assassinato nella sua stanza di albergo con un asciugapelli elettrico lanciato da qualcuno dentro la vasca dove stava facendo bagno con un bicchiere di whisky in mano.
I sospetti del delitto cadono subito su Petra, con cui sembra il regista avesse avuto una relazione ora troncata, tanto da sostituirla anche come protagonista del film.
Kati è spinta dall’amicizia con Petra ad interessarsi del caso, forte anche della sua esperienza di letteratura gialla.
Dapprima si incontra con un ispettore di polizia, con cui ha una mezza relazione, per scoprire che non ci sono risultati concreti nelle indagini.
Finchè un capo-mafia di Istanbul non la ospita nella sua villa sul Bosforo e la mette in contatto con il membro turco della coproduzione turco-tedesca finanziata dalla mafia.
Accorsa in Germania per la malattia della madre, Kati incontra un affascinante e misterioso turco, Solim, ed ha con lui una relazione durante la quale riesce a dipanare il mistero della morte di Kurt Muller.
Letto con canoni occidentali, il romanzo incespica in un ritmo narrativo abbastanza lento, mentre Kati resta comunque un personaggio incompleto. Anche l’aspetto esotico e il fascino orientale restano irrisolti, mentre prevale la dimensione occidentale di Istanbul.
Ferdinando Offelli - 23 ott.11